Pausa estiva e bilanci

Volevo scrivere un semplice post per annunciare che il blog va in vacanza per un mesetto.

Mi rendo conto, così scrivendo, che è trascorso quasi un anno dalla mia risoluzione a certi cambiamenti in me – e l’estate, le vacanze, hanno tutto il sapore anni ’80 dell’ultimo giorno di scuola, del verdetto della pagella, della partenza per il mare e verso ignote avventure (quanto si cresceva in quei tre mesi scarsi!).

Oggi, da adulta, i bilanci sono frequenti, non sempre proficui, spesso irrisolti.

Ma circa un anno fa, in autunno, ho deciso di provare a cambiare davvero qualcosa nella mia vita. Niente di trascendente, in realtà: ho iniziato ad apprezzare ciò che ho, ad essere più completamente me stessa, a lasciare un po’ di zavorra inutile alle spalle.

Non sono regole per la felicità o trovare chissà cosa, non credo in queste illusioni da programmi tv trash, e da un certo punto di vista (“concreto”?) non sembra cambiato nulla.

Invece, da una miriade di punti di vista, è cambiato molto.

Mi sono concessa di vivere un po’, si potrebbe dire: chi se ne importa della solitudine, mi concedo ciò che amo (e via più di un tempo a scorrazzare a mostre, a teatro, al cinema, a qualche evento, a farmi qualche giretto, ecc.).
Non sono cose scontate, almeno per me. Le facevo anche prima, ma di rado e sentendo sempre il peso di qualcosa che non c’era. Ora vado con la voglia di scoprire, di riempirmi di meraviglia, assetata di emozioni – a prescindere da altro.

Oh, le delusioni e i contrattempi sono sempre una miriade. Cerco di superarle con maggior agevolezza e talora ci sono abbastanza riuscita – guardo il contesto da un’altra prospettiva, cerco una spinta verso qualcosa d’altro, anche un banale espediente per superare il momento, ma aiuta tanto.

Ho cambiato anche il rapporto con le persone. Pur rimanendo la solita antipatica e/o glaciale (apparenze, apparenze…), metto al centro me stessa. Ho deciso che per primo viene il rispetto per me stessa, me lo devo, anche se il tarlo del “mai abbastanza” rode sempre presente. No, so chi sono, ho imparato a conoscermi e a sapere di cosa ho bisogno (anche se è un percorso sempre in mutamento, perché magmatica è l’esistenza e il camminare con lei) – mi piace accogliere persone nella mia vita, conoscerle, ma non sono più disposta ad aspettare inutilmente i comodi di nessuno, rimanendo con una manciata di polvere in mano.
È egoismo? Forse un po’, ma in misura sana.

Anche questo non ha portato sconvolgimenti epocali e la mia solitudine è sempre la medesima (sia chiaro che non mi riferisco a questioni “sentimentali”, ma ai rapporti interpersonali in genere), ma mi fa stare meglio. Al bando (troppe) aspettative (difficile, ma ci si prova anche qui a non partire per la tangente), ancor più troppo peso agli altri. Anche qui, benvenuto a chiunque voglia scambiare una parola, ma zavorre ciao. Sembra brutale, ma è giusto dare a ciascuno lo spazio che merita – “merita” non come persona, ma da come si comporta nei miei confronti.

The girl who waits si è stancata, ha preso le chiavi dell’auto e si è messa in viaggio per la sua strada.

E sta lentamente guarendo da antiche ferite.

Non tutto è risolto, anzi, è solo in principio, tante cose sono ancora un arroccarsi di problematiche, possono succedere tante cose brutte o belle e non so come le affronterò.
Mi auguro soltanto di mantenere questa direzione, quella verso me stessa, quella che dà ascolto al mio io, perché credo sia quella giusta. Quanto meno, migliore di quella di prima.

Ho spesso lottato,
lottato e conquistato,
non la perfezione,
ma l’accettazione del mio diritto di vivere
nei miei termini umani, imperfetti.
(Sylvia Plath)

E ora via a prepararsi per un viaggetto, poi per qualche giorno di riposo.

In realtà ho già l’ansia da rientro in ufficio, da fine mese inizierà un periodo davvero intenso.

Ma il bello è che da fine mese si programma la mia stagione A/I 2017-2018 (almeno alcune cose… parecchie a dire il vero), e tra teatro, cinema, eventi in libreria, riprendere qualche corso in palestra, la mia routine di letture, recensioni, serie tv, fine settimana in giro per mostre o qualche evento, magari un altro mini viaggetto, ho un’agenda super full. E ne sono contenta.

E un pochino intimorita, sì, come di ogni giorno che passa che possa spezzare quello che sto costruendo. Allora mi guardo allo specchio, penso “stay strong” e… Bè, sorrido.

Delphine De Vigan, “Giorni senza fame”

9788804645955_0_0_1602_80È complesso parlare di un romanzo il cui argomento principale coinvolge da vicino, tocca personalmente.

Giorni senza fame è il primo romanzo di Delphine De Vigan, allora pubblicato sotto pseudonimo, ed è un racconto biografico della sua anoressia, in particolare dei tre mesi di ricovero ospedaliero a cui si affidò per cercare di iniziare a guarire.

Il libro è breve, essenziale.
Forse a molti può sembrare addirittura un po’ asciutto, banale (che vocaboli dolorosi, in questo contesto!): non vi sono massime assolute, indottrinamenti, né scene costruite per far ridondare emozioni artefatte.

C’è Laure e il suo corpo. Il suo corpo che diviene un nemico, da mettere a tacere, da sfinire fino allo stremo. Da ridurre al minimo, no, meno, da far scomparire. Così forse scomparirà anche lei e qualcuno noterà che non c’è più. Oppure non interesserà a nessuno che lei esista o meno.

Quando Laure arriva al punto di non ritorno, qualcosa scatta in lei. Un campanello d’allarme?
Chiamatela resilienza, biologico attaccamento alla vita, ma si rende conto che deve cambiare o rischia di morire davvero.

Continue reading “Delphine De Vigan, “Giorni senza fame””

Michele Mari, “Leggenda privata”

9788806228958“Specchio, specchio delle mie brame, qual è il maggiore scrittore italiano vivente del reame?”
Michele Mari, senza dubbio (per me, almeno), e questo suo ultimo libro lo conferma.

Cos’è Leggenda Privata?
Detto con parole normali una sorta di autobiografia particolare.
Con parole mie: uno dei più strabilianti trip mentali − acidi e lucidi al contempo, dolorosi ma mai patetici − attraverso il proprio passato che un autore possa dare alla luce.

Mari si mette a nudo sul palcoscenico di un teatro dell’assurdo, dove gli spettatori sono i lettori, avidi, mentre sulla scena si rappresenta il suo processo: lui alla sbarra degli imputati, giudici e testimoni surreali creature, spesso contraddistinte da pennellate orrorifiche, o i ricordi delle persone della sua vita.
Non è il Dottor S. de La coscienza di Zeno a costringere l’autore a scrivere la propria storia, bensì un’enigmatica e inquietante Accademia dei Ciechi.

Mari sa già cosa ne verrà fuori e con una singolare captatio benevolentiae avvisa il lettore che il suo sarà un romanzo dell’orrore, “un romanzo triste/angosciato e dunque caratterizzato da una certa quota di divertimento e di virtuosismo”. Continue reading “Michele Mari, “Leggenda privata””

Yasunari Kawabata, “La casa delle belle addormentate”

“Fra le opere di un grande scrittore si potrebbero annoverare quelle che corrispondono al dritto di una medaglia, o di una moneta, e il cui significato è evidente e visibile, e le altre che appartengono al rovescio della medaglia, e il cui significato è celato, nascosto, sul retro. Volendo, si potrebbe confrontarle rispettivamente al buddhismo essoterico e a quello esoterico. Nel caso di Kawabata, “Il paese delle nevi” rientra nella prima categoria, mentre “La casa delle belle addormentate” è indubbiamente un capolavoro esoterico”.
(Yukio Mishima)

Un’ordinaria serata estiva, l’aria che accenna appena a stemperare il caldo della giornata, dalla finestra ancora aperta voci ronzanti del televisore dei vicini.
Inizio distrattamente questo racconto di Kawabata. E l’atmosfera si colma del profumo di emozioni. Di peonie e di camelie.

Avevo già letto due libri di questo autore giapponese, di cui ho apprezzato soprattutto l’incredibile capacità descrittiva, di una delicatezza straordinaria, ma al contempo altrettanto vivida e avvolgente, sempre al limite tra percezione del reale attraverso il sentire dei personaggi e il loro stesso passato, i loro sogni. Egli sa trasformare ogni parvenza in poesia e acquerello.

Questa novella, tuttavia, va oltre, è così densa nella sua brevità, così soave, ma dai tocchi morbosi e inquietanti, che ogni parola, ciascuna immagine, trasuda sensazioni e simbolismi.
Al limite tra il vissuto e il sogno, in una sorta di flusso di coscienza, la storia coinvolge l’anziano Eguchi, il quale visita – prima per curiosità, poi per un’irresistibile attrazione – una casa che offre il singolare servizio di trascorrere la notte accanto a una bellissima fanciulla dormiente. Tutte le giovani donne non sapranno mai chi ha dormito accanto a loro, sono, in un certo senso, un giocattolo vivente. Continue reading “Yasunari Kawabata, “La casa delle belle addormentate””

La vita di Adèle (2013)

Ultima pellicola di Abdellatif Kechiche, premiata con la Palma d’Oro al Festival di Cannes, La Vita di Adèle è un film spiazzante.
Sì, spiazzante ma non per l’ardire dei temi trattati, bensì per la profondità, la bellezza, l’intensità che questo film riesce a manifestare.

La storia è ispirata alla graphic novelLe Bleu est une couleur chaude” di Julie Maroh, ma il regista trae solo spunto dal fumetto (bello, originale e coraggioso nell’affrontare il tema dell’omosessualità, benché troppo succinto), in quanto l’impianto cronologico e il nome della protagonista vengono cambiati, ogni nota di gusto per il melodrammatico affatto cassata, gli eventi attualizzati e lo spessore delle due protagoniste e della storia stessa portata a livelli eccellenti.

Nelle tre ore di pellicola, tra silenzi, musica, dialoghi a volte intensi e altre molto scarni, il centro della macchina da presa è sempre principalmente il volto e il corpo di Adèle, quasi a volerne tracciare ogni espressione o moto emotivo, regalandoci un’analisi senza filtri di questa adolescente che vedrà la sua vita sconvolta dall’amore per Emma.
La storia è idealmente suddivisa, come suggerisce il sottotitolo originale, “Chapitre 1 & 2“, in due parti: la prima dedicata all’educazione sentimentale e alla formazione sessuale di Adèle, la seconda alla fine dell’idillio, alla maturità. Continue reading “La vita di Adèle (2013)”

Fábio Moon, Gabriel Bá, “Daytripper”

Daytripper, fumetto dei due fratelli Fábio Moon e Gabriel Bá, parla di Brás de Oliva Domingos, figlio di uno scrittore di fama mondiale.
Anche Brás è uno scrittore… Scrive necrologi, concisi riassunti di vite che si sono concluse, per un giornale locale brasiliano, benché il suo sogno sia diventare un famoso romanziere.
Egli lamenta che mentre vuole diventare uno scrittore, e scrivere della vita, passa le sue giornate a pensare e scrivere della morte. Ma, come gli fa presente il suo amico Jorge, la morte è parte integrante della vita.

Da questo spunto iniziale assistiamo a diverse fasi della vita di Brás de Oliva Domingos attraverso brevi ma significative istantanee, infatti ogni storia ruota attorno ad un giorno specifico in momenti differenti. Continue reading “Fábio Moon, Gabriel Bá, “Daytripper””