Martin Amis, “Money”

Auster_Invenzione_Cop2011.qxpMoney di Martin Adams, uscito nel 1984, entra appieno, per temi e stile, tra i classici romanzi contemporanei, una satira tra il grottesco e la commedia sul potere del denaro, come possa sedurre e altrettanto distruggere.

La storia ha per protagonista le vicende del trentacinquenne John Self, un regista britannico di spot pubblicitari televisivi, abbastanza ipocondriaco, mangiatore di junk food, forte bevitore, amante del sesso e della pornografia, ma, sopra ogni cosa, devoto al dio denaro.
Self viaggia tra Londra e New York perché sta per realizzare il suo sogno, realizzare un film, intitolato Good Money, grazie alla partnership stretta col produttore Fielding Goodney.

La prima parte del libro trascina subito il lettore nell’incalzante stile di Amis, una mescolanza tra flusso di coscienza, momenti descrittivi e paragrafi in cui lo stesso protagonista pare rivolgersi al lettore – o a un “tu” indeterminato che lo osserva.

Self si presenta immediatamente come l’eroe del capitalismo, del consumismo, figlio prediletto del suo tempo – degli anni ’80, che vivevano tra boom economico, deregolamentazione finanziaria, nuovi contesti sociali ove tutto diviene mercificabile e si amplia il divario con le classi sociali più povere. Continue reading “Martin Amis, “Money””

Annunci

Viola Carr, The Diabolical Miss Hyde (Electric Empire, #1)

misshydecoverCi sono dei libri che si possono assaporare solo al momento giusto, ad esempio quando si ha voglia di qualcosa di assolutamente spensierato, leggero e… con un tocco trash.
Eccovi dunque servito The Diabolical Miss Hyde di Viola Carr, primo romanzo della serie Electric Empire.

In una versione alternativa della Londra vittoriana, decisamente steampunk e con pennellate paranormal, alcune donne vengono brutalmente assassinate e smembrate. Eliza Jekyll è determinata a scoprire chi c’è dietro i crimini e, oltre a cercare di risolvere gli omicidi, deve gestire l’arrivo di un nuovo ispettore, Lafayette della Royal Society, che ha il potere di arrestarla al minimo accenno di uso di qualcosa di diverso dalla scienza “normale” – questo perché magia e la stregoneria sono rigorosamente fuorilegge.
Eliza, però, serba un segreto molto più pericoloso: è difatti la figlia del dottor Henry Jekyll – l’uomo che ha realizzato un elisir che lo sdoppia tra due personalità differenti. Ed Eliza ha lo stesso problema, ovvero deve aver a che fare con la presenza del suo alter ego, Lizzie Hyde, benché con l’aiuto di un rimedio sia riuscita a tenerla a bada… Almeno fino ad ora. Proprio in concomitanza con l’inizio delle indagini, infatti, Lizzie è tornata ad essere una presenza ingombrante e persino pericolosa, tanto che la stessa Eliza teme possa essere coinvolta nei crimini che investiga. Continue reading “Viola Carr, The Diabolical Miss Hyde (Electric Empire, #1)”

Jessie Burton, “The Muse”

9781447250944the20museDopo il best-seller internazionale Il Miniaturista, Jessie Burton ritorna con un nuovo romanzo storico, The Muse, ambientato questa volta in ben due epoche distinte del XX secolo.

Nell’estate del 1967 una giovane donna di nome Odelle Bastien fa domanda per lavorare presso l’Istituto Skelton, una galleria d’arte. Odelle, arrivata a Londra da Trinidad cinque anni prima, sogna di essere una scrittrice, ma nel frattempo, per sopravvivere, si è adattata a lavorare come commessa in un negozio di scarpe, Dolcis, insieme alla sua migliore amica, Cynth.
Inaspettatamente, viene convocata per un colloquio dallo Skelton dall’eccentrica e misteriosa Marjorie Quick, che nota subito il potenziale della giovane e la assume come dattilografa.
Nel frattempo, Cynth si sposa e durante il ricevimento delle nozze Odelle conosce Lawrie, giovane che inizia a frequentare e in possesso da poco di un peculiare dipinto, ereditato dalla madre.

Da questo punto iniziano ad infittirsi il mistero e le file che legano le varie storie del romanzo, rimanendo questo quadro il punto focale che unisce storie di persone, paesi e epoche diverse. Continue reading “Jessie Burton, “The Muse””

Emma Trevayne, “Flights and Chimes and Mysterious Times”

Era da un po’ che tenevo d’occhio Flights and Chimes and Mysterious Times di Emma Trevayne, vuoi per l’accattivante copertina o per la quarta che mi ha ispirato subito.

Alla fine la lettura mi ha lasciato un po’ tiepida.

Lo stile dell’autrice non è niente male, riesce a ricostruire una Londra alternativa ove davvero si respira un remoto senso di magia, tra mistero e l’oscuro.
Proprio il worldbuilding è l’aspetto che mi è piaciuto di più, insieme all’elemento steampunk. Forse perché amo il genere, ma tutte queste creature meccaniche che prendono vita, insieme ad elementi tratti dal mito e magici, la narrazione che procede con uno stile fiabesco, mi hanno fatto immaginare vividamente le scene.

D’altra parte la storia in sé e i personaggi non mi hanno coinvolto.
Forse è un problema mio, ma il protagonista, Jack, non mi ha per nulla entusiasmato, spesso mi sembrava lasciarsi trascinare dalle azioni degli altri personaggi, piuttosto che essere una componente attiva nella trama.
Di conseguenza le sue vicende mi hanno lasciato esitante e senza particolare entusiasmo.

Anche il finale mi è parso alquanto frettoloso, tanto più dopo pagine spese su tanti dettagli, alla fine si pecca nel dare tutte le informazioni per concludere pienamente la storia.

Buono, ma poteva essere decisamente migliore.

My rating: 3.5/5

Emma Trevayne
Flights and Chimes and Mysterious Times
Ed. Simon & Schuster

Ripper Street (Prima e seconda stagione)

L’ossessione britannica verso la figura di Jack lo Squartatore non mostra segni di cedimento, continua ad alimentare l’immaginario soprattutto nel campo cinematografico e televisivo.

Ecco quindi nascere la serie tv Ripper Street, ambientata a fine XIX secolo, a Londra, che prende spunto proprio dai crimini del celebre serial killer a Whitechapel, benché questo sia solo un retroscena.
Infatti la trama non è incentrata sulla risoluzione di tale crimine, rimasto irrisolto e che rimane sempre vivo nella memoria dei personaggi, avendo condizionato e sconvolto un’intera città, bensì sui crimini che la H Division si trova a dover risolvere, non senza una serie di sottotrame focalizzate sulla vita dei protagonisti e sulla società dell’epoca.

Protagonisti sono l’ispettore Edmund Reid, il suo sergente Bennet Drake e l’americano Homer Jackson, arruolato come medico legale.
La bravura degli attori che interpretano questi personaggi è la colonna portante della serie, sono loro a rendere interessante ogni scena, azione e dar vita in maniera spettacolare e realistica a un copione che se non brilla per pura originalità, a mio parere è più che gradevole e accattivante. Continue reading “Ripper Street (Prima e seconda stagione)”

Marie-Aude Murail, “Miss Charity”

Miss Charity di Marie-Aude Murail è ad oggi il romanzo che mi è piaciuto di più quest’anno.

La storia segue la vita della strepitosa Charity Taddler, bambina prima e giovane donna poi che vive a fine Ottocento in una Londra perbenista. Lei però è diversa da quel mondo, ha interessi scientifici, letterari, ama dipingere ad acquerello e soprattutto i suoi migliori amici sono una schiera improbabile di deliziosi animaletti.
Charity, spirito indipendente e libero, l’opposto della mentalità borghese dominante, dovrà crescere e trovare il proprio spazio lottando contro i pregiudizi, la famiglia, i cliché sociali. Ma il suo amore per le storie, la fantasia, la natura non la faranno cedere di fronte ad alcuna difficoltà.

Scritto meravigliosamente, con ironia, ricchezza di dettagli, personaggi (umani e animali) indimenticabili, uno stile che ricorda i romanzi classici, la storia è ispirata la vita di Beatrix Potter, ma è anche ricca di richiami austeniani e alla cultura dell’epoca.

L’autrice fin dalle prime righe sa avvincere il lettore e non si riesce a staccarsi dalle pagine – io l’ho letto in due tranche e dover sospendere la lettura è stato dolorosissimo.

Qualunque parola in più può essere solo di lode, pertanto il consiglio finale è semplicemente di leggerlo!

My rating: 5/5

Marie-Aude Murail
Miss Charity
Ed. Giunti
Trad. F. Angelini