Giovanni Boldini, “Il Piacere” (MART, Rovereto)

a

Da certi suoni della voce e del riso, da certi gesti, da certe attitudini, da certi sguardi ella esalava, forse involontariamente, un fascino troppo afrodisiaco. (Gabriele D’Annunzio, “Il Piacere”)

Caffè mondani, gli abiti appariscenti ed eleganti, i chiacchierati salotti mondani: in 170 opere provenienti da collezioni pubbliche e private si snoda il racconto del grande pittore Giovanni Boldini.

Al MART di Rovereto la mostra a lui dedicata, denominata “Il Piacere”, chiaro rimando dannunziano, è un dedalo di sale in cui si cammina con passo ovattato, accompagnati da una sonorizzazione site-specific realizzata dal pianista e compositore Cesare Picco e dal violinista Luca Giardini, smemorandosi tra quadri che rimandano volti, sguardi, sfarzo, bellezza, in un tripudio di sensualità visiva che fa comprendere appieno il titolo dell’esposizione. L’accostamento al famosissimo romanzo di Gabriele D’Annunzio non è certo casuale, infatti, se Benedetto Croce in lui identificò “nella letteratura italiana una nota, fino ad allora estranea, sensualistica, ferina, decadente” – parole che appunto si possono ben accostare anche a questa rassegna.

Passando per la sua esperienza italiana ed europea, Boldini visse diverse realtà, soprattutto quella dei macchiaioli e quella francese, non aderendo passivamente a nessuna, ma sviluppando un suo stile peculiare. Continua a leggere

Aoi Ink Nymphs Los Angeles

9780764347856Come posso resistere a un libro fotografico dedicato ai tatuaggi?
Appena ho visto questa arc, mi sono fiondata a richiedermela e non smetto di ammirare alcune pagine.

Il libro contiene più di 200 foto artistiche di Nelson Blanton di modelle tatuate del sud della California, un gruppo variegato noto come Ink Nymph.
L’iniziativa ha preso spunto dall’annuale festival “Angels of Ink”, ove si radunano amanti del tatuaggi, di motori, di musica rock e sono presenti piccole imprese locali che supportano la filosofia del biolgico ed eco-friendly.

Le foto presentano un mix tra la bellezza delle modelle, i loro tatuaggi, su uno sfondo di scorci di vita quotidiana di Los Angeles, cosa che dona gli scatti una prospettiva emotiva, più coinvolgente, così da diventare un viaggio nella Los Angeles della cultura alternativa.

Non è un semplice testi dedicato a una raccolta di immagini di tatuaggi, benché se ne vedano di diversi tipi (old e new school, neri o a colori, piccoli ed estesi, ad acquerello, tribali o sfumati, ecc.), ma una celebrazione della bellezza nell’arte: in questo caso la bellezza della donna che è resa qualcosa di unico, una tela che dà valore e al contempo è resa incantevole dall’arte del tatuaggio.

My rating: 5/5

“AOI Ink Nymphs Los Angeles”
Ed. Schiffer Publishing

*Ringrazio l’editore e Netgalley per avermi dato una copia dell’opera necessaria alla stesura di questa recensione*

Only Lovers Left Alive (2013)

Ero molto scettica se guardare questo film o meno, temevo di trovarmi davanti l’ennesimo paranormal romance senza nulla di interessante da trasmettere.
Dopo aver letto pareri “di fiducia” incoraggianti, ho tentato la visione.

Il film è molto particolare e si discosta affatto dal genere vampiresco adolescenziale che ha distrutto secoli di nobile narrativa horror.

La trama in sé è molto semplice da riassumere: Adam (Tom Hiddleston) è un vampiro, stanco del mondo contemporaneo in cui vive, che si è auto relegato in una grande casa a Detroit, dedicandosi quasi solo a comporre musica. Sempre più d’umor cupo, inizia a pensare anche al suicidio. Avendo captato che qualcosa turba il marito, arriva al suo fianco la compagna di sempre, Eve (Tilda Swinton), lasciando la sua abitazione a Tangeri.
Per poco i due si ritrovano e stanno insieme, fino a quando non arriva la sorella di lei, Eva (Mia Wasikowska) a portare guai e a distruggere l’idillio. Continua a leggere