Robin Hobb, “Assassin’s Fate (The Fitz and The Fool Trilogy, #3)”

7b12d1f42d-9fbb-4232-b623-5c3bdd0c47ae7dimg400This is the end…

Già, con questo volume si appone davvero la parola fine alla variegata e composita saga degli Elderlings di Robin Hobb, una delle mie scrittrici fantasy preferite.

Amo la Hobb, come sa tratteggiare fondali, storie, atmosfere e soprattutto personaggi, tanto da creare mondi che spesso sono più veri e intensi di romanzi non fantastici.

Purtroppo per me questo libro è stata una grandissima delusione – e non tanto del finale, ma proprio a livello tecnico e narrativo.

La maggior parte della trama è composta da due viaggi estremamente lunghi: quello di Bee e quello di Fitz, del Matto e dei loro compagni. Entrambi convergono verso la medesima meta, tuttavia seguiranno sentieri differenti e travagliati per arrivarci.

I due viaggi sono un espediente per ripercorrere e annodare le fila di tutto il mondo della saga, scoprendone anche nuovi aspetti, rivelazioni, dando risposte e sollevando altre domande.

Purtroppo ho trovato questo accorgimento narrativo tanto interessante – e un po’ commovente, era una panoramica per dare l’addio a tutto e tutti – quanto macchinoso.

Il senso di artificiosità e forzatura percorre tutto il libro, pesantemente ed è ciò che non me lo ha fatto apprezzare.
Conosco lo stile della Hobb e a mio avviso in Assassin’s Fate trapela poco, solo in alcune pagine.

Persino nel trattare momenti significativi emotivamente, tutto mi è sembrato calibrato e studiato senza l’amore e la compartecipazione che ho sempre apprezzato.

Oltre a ciò, si sprecano lungaggini e ripetizioni, troppe.

Sono convinta che pochi autori SFF possiedano il tocco umano della Hobb, ma qui l’ha perso nel concentrarsi troppo nel concludere una delle migliori saghe fantasy mai scritte.

È difficile addentrarsi maggiormente nell’analisi del testo senza cadere in spoiler di quest’ultima trilogia. Senza contare che fatico enormemente a scrivere questo poche, scialbe righe – vuoi la delusione, l’incredulità di aver letto qualcosa che non ha niente a che fare con la scrittrice che amo.

My rating: 3/5

Robin Hobb
Assassin’s Fate (The Fitz and The Fool Trilogy, #3)
Ed. Harper Voyager

*Ringrazio l’editore e Netgalley per avermi dato una copia dell’opera necessaria alla stesura di questa recensione*

Annunci

2 thoughts on “Robin Hobb, “Assassin’s Fate (The Fitz and The Fool Trilogy, #3)”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...