Cherie Priest, “The Family Plot”

25543181The Family Plot, ultimo romanzo di Cherie Priest, è classificabile come una sorta di southern gothic-horror.

Al centro della trama c’è Dahlia Dutton, messa a capo del recupero di una vecchia casa nel Tennessee, venduta dalla misteriosa Augusta Withrow, che fin da subito sembra non raccontare tutta la verità sulla magione e i terreni che la circondano.
Attorno a Dahlia ruotano gli altri componenti della famiglia, come il padre, cugino Bobby, il figlio Gabe e anche collaboratore Brad.

Fin dalla prima visita alla casa, tutti sembrano pensare che ci sia qualcosa di strano; difatti strani eventi iniziano a verificarsi subito dopo che tutti arrivano. Dahlia è la prima coinvolta, percependo qualcosa di irresistibile e tremendo ed essendo la prima a sperimentare esperienze spettrali terrificanti.

Da questo momento la casa stessa diventa una dei protagonisti della vicenda, misteriosamente avvolta nel suo passato, dalle persone che vi abitarono prima e dalle tragedie ivi accadute, così come le emozioni che hanno fatto sì che i fantasmi vi fossero ancorati. Queste emozioni – dolore, risentimento, rammarico – sono palpabili.

Tutti i personaggi sono ben descritti e sviluppati psicologicamente, in primis Dahlia, la sua fragilità emotività, come gestisce i suoi problemi e la sua morale di fronte a decisioni difficili. Lei è un personaggio affascinante, complesso.

Il mistero si infittisce quando vengono trovate delle tombe di famiglia in un cimitero vicino alla casa e i protagonisti iniziano a cercare di risolvere il mistero degli antichi proprietari della casa, della loro morte e delle presenze spettrali che li assillano con sempre maggior violenza.

Nel complesso, l’atmosfera della storia è abbastanza raccapricciante. Ho trovato l’inizio essere un po’ lento, ma una volta preso il ritmo, diventa più coinvolgente.
Man mano che le presenze nella casa si fanno più pericolose e intense, la narrazione è condotta con un senso di crescente claustrofobia, tutta giocata negli interni delle stanze della casa, tra chiaroscuri, buio improvviso, aria soffocante.

La Priest ha una prosa immensamente leggibile, molto scenica e capace di dare grande vividezza alle immagini.

Il romanzo soffre forse di alcuni momenti di empasse e scelte narrative che lo rendono un po’ impacciato in qualche punto, benché nel complesso sia godibile, realizzato proprio nel classico stile da storia di fantasmi.

My rating: 3.5-4/5

Cherie Priest
The Family Plot
Ed. Tor Books

Annunci

One thought on “Cherie Priest, “The Family Plot”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...