Tyrolin Puxty, “Shattered Girls (Broken Dolls, #2)”

cover-677x1024Tyrolin Puxty torna con Shattered Girls, seguito del suo romanzo d’esordio, Broken Dolls.

La storia è ambientata cinque anni dopo il precedente e prende avvio dalle conseguenze di Ella di tornare e rimanere nella sua forma di “bambola”.

In questo sequel, la protagonista è principalmente Gabby, poiché il fulcro di tanti avvenimenti è proprio lei e il contesto in cui si muove, anche quando non agisce direttamente.
Gabby ormai è un’adolescente, lunatica e alle prese con i problemi dell’adolescenza, scuola e compagni compresi. Ella viene portata in giro dalla ragazza come se fosse una qualunque bambola robot, ma ben presto qualcuno scopre che Ella è molto di più e le cose iniziano a complicarsi.

Contestualmente, si innesta la trama principale, che riprende le fila del predecessore ma al contempo si prosegue in maniera differente.
Quando sia i genitori di Gabby che tante altre persone, tra le quali compagni di scuola della ragazza, iniziano a scomparire, la situazione non solo diventa allarmante, ma fa presagire che qualcosa di molto più complesso e malevolo sia in atto.

Il presagio viene confermato quando iniziano a comparire molte altre bambole robot simili a Ella ovunque, e nessuno sembra preoccuparsene troppo.

La parte centrale del libro è un po’ lenta e ci vogliono diverse pagine perché le misteriose sparizioni proseguano.
Nell’ultima parte, vediamo tornare Sianne, il cui aiuto è richiesto da Gabby ed Ella per scoprire che cosa stia succedendo e solo grazie al suo contributo le ragazze, dopo una stenua lotta scopriranno la verità.

Il libro è sempre ben scritto come il precedente, scorrevole, ricco di intrighi e svolte, pagine in cui predominano le avventure delle due protagoniste.
Le informazioni vengono rivelate man mano nello scorrere della trama, cosicché il lettore è invogliato a proseguire e scoprire i misteri e cosa stia accadendo.

Per quanto sia un buon libro, è inevitabile per me il confronto con il primo romanzo.

Shattered Girls mi è sembrato molto più uno YA classico, tra distopia e pennellate sf, incentrato sul mondo degli adolescenti e problematiche annesse, benché tutto il resto della storia sia gradevole, con colpi di scena e momenti di suspense.
Broken Dolls, tuttavia, era incentrato sull’idea originale delle bambole robot – cosa fossero, da dove venissero, ecc. –, idea molto più originale e accattivante, diversa dagli standard tradizionali, ma per questo mi era piaciuto decisamente di più, era ricco di spunti di riflessione per me molto più interessanti.

Un romanzo ben scritto e costruito, dunque, ma che potrebbe un po’ deludere le aspettative di chi si aspettava un seguito nettamente sulla scia del predecessore.

Un plauso, invece, alla fantastica cura della grafica interna e alla bellissima cover.

My rating: 3.5/5

Tyrolin Puxty
Shattered Girls (Broken Dolls, #2)
Ed. Curiosity Quills Press

*Ringrazio l’editore e Netgalley per avermi dato una copia dell’opera necessaria alla stesura di questa recensione*

Annunci

Un pensiero riguardo “Tyrolin Puxty, “Shattered Girls (Broken Dolls, #2)”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...