Jessie Burton, “The Muse”

9781447250944the20museDopo il best-seller internazionale Il Miniaturista, Jessie Burton ritorna con un nuovo romanzo storico, The Muse, ambientato questa volta in ben due epoche distinte del XX secolo.

Nell’estate del 1967 una giovane donna di nome Odelle Bastien fa domanda per lavorare presso l’Istituto Skelton, una galleria d’arte. Odelle, arrivata a Londra da Trinidad cinque anni prima, sogna di essere una scrittrice, ma nel frattempo, per sopravvivere, si è adattata a lavorare come commessa in un negozio di scarpe, Dolcis, insieme alla sua migliore amica, Cynth.
Inaspettatamente, viene convocata per un colloquio dallo Skelton dall’eccentrica e misteriosa Marjorie Quick, che nota subito il potenziale della giovane e la assume come dattilografa.
Nel frattempo, Cynth si sposa e durante il ricevimento delle nozze Odelle conosce Lawrie, giovane che inizia a frequentare e in possesso da poco di un peculiare dipinto, ereditato dalla madre.

Da questo punto iniziano ad infittirsi il mistero e le file che legano le varie storie del romanzo, rimanendo questo quadro il punto focale che unisce storie di persone, paesi e epoche diverse.

Il mistero di provenienza del dipinto, infatti, ci porta sud della Spagna nel 1936, ove la diciannovenne Olive Schloss si è appena trasferita alla grande casa vicino al villaggio di Arazuelo con i suoi genitori – il padre in particolare è un viennese mercante d’arte. Olive ha rifiutato l’offerta di un posto all’accademia d’arti di Slade, mentre intreccia una nuova conoscenza con Isaac Robles e la sua sorellastra Teresa, figli segreti del proprietario terriero locale. La suspense consiste nel fatto che le mosse dei due al contempo sembrano voler aiutare e danneggiare Olive. Teresa, che ha solo 16 anni, è convinta Olive sia un genio del pennello; Isaac, anche lui artista, è un agitatore politico alla ricerca di fondi per una rivoluzione. Tra i due inizia a prendere forma un piano per ingannare Harold, garantirsi il patrocinio di Peggy Guggenheim e lanciare un nuovo grande talento sulla scena artistica internazionale.

La Burton gioca con i due filoni temporali della narrazione, ma riesce a fare molto di più, intrecciando minuziosamente i dettagli delle vite dei personaggi del ’36 con quelli del ’67 e, contemporaneamente, raccontando due storie diverse.
È molto interessante, in particolare, il doppio ritratto, giocato con abili analogie, della creatività sommersa in due mondi differenti: Teresa supporta il talento di Olive, mentre Quick fa lo stesso con Odelle, garantendole addirittura una pubblicazione.
Man mano che si prosegue nella lettura, vengono a galla altri temi, quali quello dell’identità, della creatività “pura”, ma anche un sottofondo di indignazione femminista per le convenzioni sociali dei tempi.

L’autrice costruisce questa doppia trama con scrupolo e solidamente, riuscendo a creare ambientazioni e personaggi credibili, ben strutturati.
Forse Odelle è una donna con caratteristiche un po’ troppo moderne per il tempo, ma tuttavia non risulta inverosimile o stonata.

Personalmente, a parte aver preferito i capitoli ambientati nel ’67 (avrei voluto approfondire molto di più questa parte della storia), ho trovato la ricostruzione storica, per quanto meticolosa, poco viva e tridimensionale. Inoltre, il fatto che lo sfondo storico in entrambe le parti è per lo più reso attraverso il dialogo tra i personaggi, talora suona un po’ forzato e innaturale.

La prosa della Burton è sempre molto curata, ogni vocabolo ponderato, confermando uno stile assolutamente personale, di alto livello ma senza essere lezioso.

Il libro mi è piaciuto ed è stata una lettura scorrevole e intrigante – il mistero del quadro e dell’intrecciarsi delle relazioni tra i personaggi è accattivante, tiene incollati alle pagine.

My rating: 3.5-4/5

Jessie Burton
The Muse
Ed. Pan Macmillan

*Ringrazio l’editore e Netgalley per avermi dato una copia dell’opera necessaria alla stesura di questa recensione*

Advertisements

3 thoughts on “Jessie Burton, “The Muse”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...