Chuck Wendig, “Zer0es”

tumblr_ntms19jGGu1rfh2uao1_500Chuck Wendig è un autore che apprezzo molto e del quale ho letto diversi romanzi, pertanto l’uscita del suo ultimo lavoro, Zer0es, techno-cyber-thriller che ruota attorno ad hacker, intelligenza artificiale e cospirazione governativa, mi ha davvero stuzzicata.

Zer0es è essenzialmente un romanzo sull’avanguardia tecnologica e una riflessione di fondo sul suo utilizzo.
La storia racconta di un gruppo eterogeneo di hacker, ciascuno dei quali è stato condannato per crimini informatici, ma che ha la chance di riscattarsi accettando di intraprendere una missione segreta per il governo.
Il gruppo è riunito e portato in un luogo remoto chiamato The Lodge, dove sarà testato, messo alla prova e addestrato per compiere la missione segreta.
Tuttavia, ben presto lo scopo della missione si farà sempre meno chiaro, sarà offuscato e messo a rischio da incursioni di altri hacker (o, meglio, cyber presenze), ma soprattutto l’individualità e il passato di ciascuno dei singoli tornerà a galla e metterà il gruppo a dura prova.

Wendig in un contesto simile dà il meglio di sé, riuscendo a tessere una storia ad alta tensione che tiene incollati alle pagine.
Mentre i cinque hacker si scontrano uno con l’altro, sia personalmente che ideologicamente, la crescente consapevolezza delle forze ignote in agguato dietro le quali si nasconde il governo o anche molte altre realtà, riescono a mantenere la suspense sempre alta.

Non è un compito semplice riuscire a tenere alta la tensione lungo un romanzo ambientato essenzialmente nello stesso luogo e incentrato solo su cinque persone.
Tuttavia, la storia si apre verso gli spazi infiniti, soprattutto quelli meno noti, della rete, mettendo in luce le sue potenzialità e rischi, introducendo identità virtuali di personaggi che si riveleranno essere ben diversi da quanto sembravano inizialmente.
Il tutto condito dal tipico stile dell’autore, molto diretto, con battute ironiche taglienti e humor nero, dai dialoghi che mimano un gergo colloquiale, qui debitamente arricchito da termini ed espressioni tipicamente del linguaggio informatico e hacker.

Il libro nasce senza dubbio per intrattenere, ma c’è uno strato più profondo che vi soggiace, allorché la trama diventa globale, citando eventi realmente accaduti di recente, e indirettamente si domanda qual è la natura della privacy e dell’individualità in un mondo sempre più affidato alla rete? Qual è il limite delle ingerenze nella sfera personale per garantire la sicurezza?
Temi che negli ultimi anni sono sempre più urgenti e ai quali la narrativa in tutte le sue forme (libri, fumetti, film, serie tv – tra le quali mi sento di citare, dato che è contemporanea all’uscita del romanzo, la recentissima Mr. Robot) cerca di dare voce, se una risposta definitiva non è ancora possibile.

Zer0es indaga le molteplici sfaccettature di questi e altri problemi, soprattutto seguendo il percorso interiore dei cinque protagonisti, delle loro scelte e del loro interfacciarsi con la missione, i propri ideali e il passato.

My rating: 4/5

Chuck Wendig
Zer0es
Ed. Harper Voyager

Advertisements

One thought on “Chuck Wendig, “Zer0es”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...