R. Silverberg, “Padrone della vita, padrone della morte”

Ben strutturato l’impianto della trama, che conferma Silverberg come uno scrittore assolutamente capace.

I concetti di base, inoltre, sono estremamente interessanti e ancora attuali (il sovraffollamento del pianeta e le possibili soluzioni a questo dilemma, l’immortalità, la colonizzazione dello spazio, ad esempio), benché a mio parere potevano essere sviluppati in maniera da risaltare con maggior forza.
Il protagonista, inoltre, all’inizio del romanzo adotta un determinato comportamento che parrebbe farlo agire in una certa direzione, come portatore di ideali “positivi”; poi viene tutto stravolto: questo capovolgimento ci potrebbe anche stare, ma se il personaggio avesse proseguito tormentato tra il dovere, il ruolo che ricopre e il suo sentire originario, il testo ne sarebbe stato arricchito.

Non da ultimo, alcuni espedienti narrativi utilizzati da Silverberg sono a dir poco disarmanti per la loro mediocrità.

Insomma, buona penna e ottime idee, ma, per me, tradotte in una narrazione che le svilisce entrambe. Peccato.

Voto: 3/5

Robert Silverberg
Padrone della vita, padrone della morte
Ed. Urania Mondadori

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...