Jean-David Morvan, Bengal, “Naja”

Questa nuova edizione di Naja della Magnetic Press raccoglie tutti i cinque volumi dell’omonima serie a fumetti, scritta da J.D. Morvan e illustrata da Bengal.

Protagonista assoluta e indiscutibilmente originale è Naja, una ragazza dai capelli blu elettrico e la pelle bianchissima, che non prova alcun dolore fisico.
Di professione è un killer e durante un’operazione un altro assassino della sua organizzazione si rivolge a lei per ragioni sconosciute.
Questo coinvolgerà Naja in inaspettati avvenimenti, cosa che darà alla protagonista l’occasione anche di indagare di più su stessa, sul suo passato e le enigmatiche persone che incontra.

Naja è un personaggio affatto singolare e accattivante, fin dal suo aspetto fisico, che per la sua personalità.
Colpisce molto soprattutto la componente piscologica e com’è resa nella graphic novel, ovvero un’assassina inesorabile, fredda e meticolosa, ma che al contempo vive un forte tormento interiore, dovuto principalmente al fatto di non sapere il motivo per cui non prova dolore.
Tutto ciò talora mina la sua lucidità e la porta ad arrischiarsi in situazioni e ad avvicinarsi a persone che la mettono in pericolo.
Alcune tavole nella quali Naja si interroga sul suo pregio e al contempo menomazione sono davvero toccanti, poiché rendono vividamente la sua angustia, le sue domande senza risposta prendere vita nei suoi sguardi carichi di interrogativi irrisolti.

La storia scorre incalzante, con un ritmo veloce, c’è tanta azione, ma ci sono anche momenti di pausa, di introspezione e riflessione narrativa, in particolare quando lo zoom si sposta sull’interiorità di Naja oppure si focalizzano su istanti significativi.

Talora il ritmo grafico e quello del testo, per lo più alquanto scarno, sembrano quasi in contraddizione: le immagini si muovono molto celermente, mentre lo scritto prende il suo tempo. Talvolta, è il contrario.
In realtà, solo in apparenza è una sorta di paradosso tra linea temporale del testo e della grafica, poiché il gioco è voluto per creare un andamento narrativo più coinvolgente e non banale.

Le tavole, inoltre, sono composte nella loro organizzazione e nei colori anche per essere perfetta controparte della storia e dei personaggi.
Questo si vede fin da subito, ad esempio, nella protagonista stessa.
L’aspetto di Naja, infatti, è stato concepito per sottolineare la sua personalità, far risaltare ancor di più l’idea di una spietata assassina, glaciale e insensibile, e per questo le cicatrici delle ferite autoinflitte che le solcano la candida pelle spiccano ancor di più, non solo graficamente.

Un insieme di storie interessanti, grazie anche a un cast di personaggi spesso borderline e a vicende dal ritmo mozzafiato, non senza l’attenzione per la componente interiore dei personaggi principali e di Naja stessa soprattutto.

My rating: 3.5-4/5

Jean-David Morvan, Bengal
Naja
Ed. Magnetic Press

***Thanks to Netgalley and to the publisher for providing me a free copy of this book in exchange for an honest review.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...