Richelle Mead, “The Fiery Heart (Bloodlines, #4)”

Quarto romanzo della serie Bloodlines della celebre autrice Richelle Mead (divenuta famosa per il ciclo Vampire Academy).

I primi tre romanzi mi erano piaciuti, fatto salvo forse per alcune pagine un po’ troppo incentrate sul vissuto degli adolescenti protagonisti, ma l’intreccio, gli enigmi che avvolgevano degli Alchimisti e tutte le altre creature era interessante.

Questo romanzo, invece, mi ha deluso.
Intanto cambia la struttura narrativa: non c’è più la sola voce narrante di Sydney, ma a capitoli alternati la storia è raccontata dal punto di vista di Sydney e di Adrian.
Questa svolta sarebbe stata potenzialmente interessante per evidenziare il punto di vista non solo della nostra protagonista e quindi degli Alchimisti, ma anche della controparte dei vampiri, facendone Adrian il portavoce.
Allo stesso tempo, questa sorta di duetto permette un approfondimento e uno sviluppo dei due personaggi principali, mettendo in luce come il loro legame si rafforza.

Il lato negativo, purtroppo, è che tutto il romanzo è incentrato sulla romance tra Sydney e Adrian (amore clandestino, i loro incontri illeciti, la loro lotta per mascherare i loro sentimenti reali per l’altro durante i loro incontri con gli altri, ecc.), ma… Non c’è vera trama né azione!

Gli spunti iniziali e quelli lasciati in sospeso dal libro precedente, che facevano pensare a nuovi intrighi, a scoprire qualcosa di nascosto e oscuro che serpeggia tra gli Alchimisti, sono tutti temi appena accennati, ma mai sviluppati con colpi di scena, nuove vicende, crescita e cambiamenti nei personaggi.

Troppo scontato e noioso, eccezione fatta per qualche pagina.

My rating: 3/5

Richelle Mead
The Fiery Heart (Bloodlines, #4)
Ed. Razorbill

Advertisements

2 thoughts on “Richelle Mead, “The Fiery Heart (Bloodlines, #4)”

  1. Ugh. Ho la mezza idea di aspettare che la serie si concluda per continuare a leggere, le prime pagine di questo mi avevano fatto venire l’orticaria qualche tempo fa.
    La domanda vera però è sempre un’altra: ma come fa Richelle Mead a uscire con tre libri all’anno? xD

    1. Misteri del marketing 😉
      Questa serie ha degli aspetti originali che non mi dispiacciono, anche se spesso è troppo concentrata sugli adolescenti anziché sull’aspetto paranormal… :S

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...