Amalie Howard, “The Almost Girl”

Riven è una ragazza di diciassette anni che proviene da un mondo parallelo al nostro, ma completamente diverso. Neospes, infatti, è una terra ostile, devastata da guerre e conflitti interni, povera di risorse, tecnologicamente molto avanzata e con una struttura sociale monarchico-militare.
I suoi abitanti fin da piccoli ricevono una rigida educazione e imparano soprattutto a combattere, elemento essenziale anche solo per la sopravvivenza.

Come persona di fiducia e amica del giovane principe di Neospes, Cale, Riven, considerata uno dei migliori soldati, viene mandata in missione sulla Terra per ritrovare il fratello a lungo perduto del principe, Caden.
Dopo tre anni di ricerche, inaspettatamente Riven troverà il ragazzo, ma portare a termine il suo compito risulterà molto più difficile di quanto si aspettasse.
Infatti, oltre alla minaccia dei Vectors, efferata legione androidi ibridi, che vogliono Caden ad ogni costo, la giovane verrà a conoscenza di nuovi segreti e verità inattese sul proprio mondo e anche su se stessa. Coloro che credeva fidati amici non saranno più tali, così come avrà a che fare non solo con il proprio istinto di soldato e di obbedienza, ma dovrà anche imparare ad ascoltare la parte più intima di sé e le proprie emozioni.

Tra tradimenti e colpi di scena, Riven sarà di fronte ad un bivio essenziale: se essere il soldato che è stato progettato di essere oppure sfidare questo destino apparentemente già predeterminato e dare spazio alla sua parte più profonda e umana e mettere in discussione tutto quanto in cui aveva creduto.

Amalie Howard è riuscita a costruire un buon romanzo di fantascienza, avvincente, una storia di sfida, coraggio, sacrificio e cuore.

Riven è un personaggio accattivante e ben sviluppato, è una ragazza forte, dura, ma che sa mettersi in discussione e scegliere per cosa valga la pena lottare.
Di contro, non mi è piaciuto il personaggio di Caden: sembra troppo fanciullesco, privo di carattere e il suo progredire lungo il romanzo è un po’ altalenante.

La trama è ben congeniata ed equilibrata tra le due parti, la prima ambientata sulla Terra e la seconda su Neospes.
Alcuni colpi di scena sono convincenti, mentre la linea generale della storia è un po’ prevedibile.
Se il romanzo in generale scorre piacevolmente, ci sono alcune soluzioni narrative un po’ stonate o ingenue.
Ad esempio, l’elemento romantico tra Riven e Caden sembra voluto quasi per un cliché del genere che per uno sviluppo dei personaggi. Mi sarei attesa una Riven sì cedevole, ma più combattiva e combattuta, su tutti i fronti.

I capitoli finali, inoltre, sono un pochino affrettati. Mentre lo sviluppo del romanzo lascia il giusto spazio all’evolversi degli eventi, alla fine tutto si risolve e viene svelato troppo rapidamente, cos’cché ne soffre la storia e anche il realismo dei protagonisti stessi.

Ho apprezzato molto gli elementi tecnologici, fantascientifici e plausibili, ben descritti, così come il worldbuilding del pianeta Neospes, che risulta molto affascinante, tra terre ostili e desolate e altissima tecnologia.

Il libro nel complesso mi è piaciuto, si legge scioltamente. Una buona storia sci-fi, che proprio nell’apparato fantascientifico ha il suo punto di forza.

My rating: 4/5

Amalie Howard
The Almost Girl
Ed. Strange Chemistry

***Thanks to Netgalley and to the publisher for providing me a free copy of this book in exchange for an honest review.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...